Miopia

La miopia (in inglese myopia o Nearsightedness) è uno dei problemi più comuni di rifrazione dell’ occhio, ed è diventato più diffuso negli ultimi anni anche a causa dell’ aumento dell’ uso di computer e di una vita sempre più “costretta” tra le mura di casa.

Infatti, un recente studio clinico ha dimostrato l’ aumento di ben 16 punti in percentuali dei pazienti affetti da miopia negli ultimi trent’anni, un dato valido per i paesi occidentali.

Anche se la causa esatta di questo aumento della miopia è sconosciuta, molti medici affermano che questa malattia ha qualcosa a che fare con l’ uso del computer e con la lettura su dispositivi informatici. In ogni caso serve anche una predisposizione genetica per sviluppare alte gradazioni di miopia.

Sintomi della miopia.

Con la miopia , in genere si ha difficoltà a leggere i segnali stradali e di vedere chiaramente gli oggetti a lunga distanza, ma sarete in grado di vedere abbastanza bene da vicino come ad esempio durante la lettura di un libro o l’uso di un computer.

Altri segni e sintomi di miopia comprendono strabismo, affaticamento degli occhi e mal di testa. Una sensazione di stanchezza durante la guida o durante l’ attività sportiva può essere un sintomo sicuro di miopia.

Se si verificano questi sintomi mentre si indossano gli occhiali o lenti a contatto, dovete assolutamente pianificare una visita oculistica completa con il vostro medico oftalmologo per vedere se avete bisogno di una prescrizione più forte. Stancando maggiormente la vista potreste subire un ulteriore diminuzione.

La miopia si verifica quando il bulbo oculare è troppo lungo, rispetto al punto di focalizzazione della cornea e del cristallino dell’occhio. Questo fa si che i raggi di luce si concentrano in un punto davanti alla retina, anziché direttamente sulla sua superficie.

La miopia può anche essere causato dalla cornea troppo curva per la lunghezza del bulbo oculare. In alcuni casi, la miopia è dovuta ad una combinazione di questi fattori.

La miopia inizia tipicamente nell’infanzia e si può avere un rischio maggiore di soffrire di questa patologia se i genitori sono entrambi miopi. Nella maggior parte dei casi, la miopia si ferma nella prima età adulta, ma a volte continua a progredire con l’età, fino a peggiorare irreversibilmente.

miope

Trattamento della miopia.

La miopia può essere corretta con gli occhiali, con lenti a contatto o chirurgia refrattiva. A seconda del grado della miopia, potrebbe essere necessario indossare gli occhiali o lenti a contatto tutto il tempo o solo quando è necessario per avere una visione alla distanza molto chiara, importante ad esempio quando si guida, oppure guardando un film o uno spettacolo all’ aperto, in una scuola o all’ università.

In caso di miopia, il primo numero sul tuo foglio di prescrizione degli occhiali o delle lenti a contatto sarà preceduto da un segno meno (-). Più alto è il numero, più alto è il grado di miopia.

La chirurgia refrattiva può ridurre o addirittura eliminare il vostro bisogno di indossare occhiali o lenti a contatto. Le procedure più comuni sono effettuate con un laser ad eccimeri.

Con il laser PRK viene rimosso uno strato di tessuto corneale, che appiattisce la cornea e consente ai raggi di luce di concentrarsi più accuratamente sulla retina.

Con il LASIK – la procedura di rifrazione più comune – un lembo sottile viene creato sulla superficie della cornea, poi un laser rimuove alcune parti del tessuto corneale, e quindi il lembo viene riportato alla sua posizione originale.

Infine c’è l’ ortocheratologia, una procedura non chirurgica grazie alla quale si indossano lenti a contatto rigide gas permeabili speciali (RGP o GP) durante la notte che ridisegnano la superficie della cornea durante il sonno. Quando si rimuovono le lenti al mattino, la cornea mantiene temporaneamente la nuova forma, in modo da poter vedere chiaramente durante il giorno senza occhiali o lenti a contatto.

L’ ortocheratologia e la chirurgia refrattiva si sono dimostrati efficaci nel correggere temporaneamente la miopia moderata. Entrambe le procedure sono buone alternative alla chirurgia per gli individui che sono troppo giovani per il laser o non sono buoni candidati per la chirurgia refrattiva per altri motivi.

Le lenti impiantabili conosciute come intraoculari fachiche sono un’altra opzione chirurgica per correggere la miopia, soprattutto per gli individui con elevate quantità di miopia o cornee più sottili del normale che potrebbero aumentare il rischio di complicanze da LASIK o altre procedure di correzione effettuate dal laser.

Le lenti intraoculari (IOL fachiche) funzionano come le tradizionali lenti a contatto, eccetto quando sono chirurgicamente posizionate all’interno dell’occhio e in genere sono permanenti, il che significa che non è necessaria alcuna manutenzione. A differenza di lenti intraoculari utilizzate nella chirurgia della cataratta, le IOL fachiche non sostituiscono la naturalezza dell’ occhio.

before_myopia_control

Controllo della miopia, perchè è importante.

Con sempre più persone che diventano miopi in questi giorni, c’è molto interesse a trovare modi utili e sani per controllare la progressione di questa malattia nei bambini.

Recentemente, i ricercatori della Nuova Zelanda hanno riportato risultati incoraggianti sulle lenti a contatto appositamente progettate per il controllo di questa malattia nei bambini miopi. Le lenti sperimentali hanno significativamente meno potenza nella sezione periferica della lente rispetto a quella centrale, e si pensa che questo “defocus periferico” può ridurre la tendenza di una maggiore allungamento dell’occhio che porta alla miopia progressiva.

In uno studio pubblicato nel 2011, i ricercatori hanno scoperto che nel 70 per cento dei bambini miopi (età da 11 a 14 anni), che hanno indossato le lenti sperimentali in un occhio e una lente a contatto morbida progressiva nell’ altro, la miopia è stato ridotta del 30 per cento grazie all’ utilizzo di questa tecnica.

Miopia degenerativa, perchè fare attenzione.

Nella maggior parte dei casi, la miopia è semplicemente un piccolo inconveniente e non è un rischio per la salute degli occhi. Ma a volte può essere una condizione degenerativa, che si chiama miopia progressiva grave.

La miopia degenerativa (chiamata anche miopia maligna o patologica) è una condizione relativamente rara che si crede essere ereditaria e di solito inizia nella prima infanzia. Circa il 2 per cento della popolazione ne è affetta, e la miopia degenerativa è una delle principali cause di cecità in tutto il mondo.

Nella miopia maligna, l’allungamento del bulbo oculare può avvenire rapidamente, portando ad una progressione rapida e una grave di miopia, nonchè ad perdita della vista. Le persone con questa condizione hanno un aumento significativo di rischio di distacco della retina e altri cambiamenti degenerativi nella parte posteriore dell’occhio, tra cui sanguinamento nell’occhio e una crescita anormale dei vasi sanguigni (neovascolarizzazione).

La miopia degenerativa può anche aumentare il rischio di cataratta.

Il trattamento chirurgico per complicazioni da miopia degenerativa includono una procedura di combinazione di farmaci e laser chiamata “terapia fotodinamica” che viene utilizzata anche per il trattamento della degenerazione maculare.

Inoltre, un recente studio ha scoperto un farmaco orale chiamato 7-methylxanthine (7 mx) che è efficace nel rallentare l’allungamento del bulbo oculare in bambini di età compresa da 8 a 13 anni. Studi di questo tipo potrebbero portare ad un trattamento medico efficace per la miopia degenerativa.